Come è nata l'associazione Mamma Canguro

 

A dicembre 2008 ho scoperto di essere incinta... Da quel momento ho iniziato a documentarmi: volevo essere consapevole di ciò che mi aspettava sia da un punto di vista fisico che psicologico e soprattutto volevo accogliere la nuova vita avendo tutti gli strumenti necessari per accudirla al meglio. E non parlo di tutto quello che ci viene propinato per la prima infanzia come se fosse indispensabile...ma delle conoscenze su cosa è importantte per un neonato e su quali sono i suoi bisogni.

 

Questa esigenza è nata dal fatto che sentivo molte teorie contrastanti su come allevare un figlio, quindi volevo  farmi la mia opinione per decidere autonomamente quale strada intraprendre, cosciente del fatto che, quale che sia la scelta, ci sarà sempre qualcuno che ti critica. Tanto vale avere delle motivazione per argomentare le proprie scelte.

 

Sentendo parlare di bambini ho sempre percepito che la cosa più ignobile che potesse fare una mamma è quella di viziare il proprio bambino: "ma cosi lo vizi, ma se lo tieni sempre in braccio prende i vizi, guarda che è furbo, se piange e lo accontenti poi prende il vizio e non vivi piu!!  guarda che ti ricatta!! Tutte farsi di questo tenore...

 

Io la mia idea me la sono fatta....sono convinta che un neonato debba essere soddisfatto nei sui bisogni di contenimento, di contatto, di calore, di cibo secondo le sue esigenze: siamo noi a doverci adattare ai suoi ritmi e non pretendere che sia lui ad adeguarsi ai nostri....In più spesso si confonde il rispondere ai bisogni dei neonati , come per esempio facendoli dormire con noi, con la mancanza di regole. Al contrario, un bambino soddisfatto nei suoi bisogni primari, sarà un bambino che acceterà meglio le regole.

 

E poi facciamo figli sempre più tardi, a volte arrivano a fatica, magari solo uno....e allora godiamoceli, perchè come dicono, e questo è vero, crescono in un batter d'occhio!

 

Da qui l'importanza di avere dei supporti adeguati,  fascia e mei tai, per soddisfare le esigenze di contatto e accudimento senza rinunciare alle nostre attività e alla  nostra vita. Quello che secondo me è poco chiaro  è che un certo tipo di accudimento non pregiudica la nostra libertà ..anzi  semplifica la nostra vita.

 

La voglia di condividere la mia esperienza ha dato vita nel 2009, dopo la nascita del mio primo figlio,  prima al blog mamma canguro e poi nel 2012, questa volta poco prima della nascita del mio secondo figlio, all'

 

Associazione di Promozione Sociale Mamma Canguro 

 

il cui obiettivo è di 

contribuire a diffondere un certo stile di maternage e di cura, e più in generale,  la consapevolezza rispetto alle scelte che accompagnano la gravidanza, la nascita e l'accudimento.
 

Le iniziative che vengono proposte dell'Associazione Mamma Canguro hanno tutte un denominatore comune:

sostenere la RELAZIONE GENITORI-FIGLI
 
all'interno di questa relazione primaria si inscrivono le attività proposte:
 
 
  • corsi, gruppi E INCONTRI INFORMATIVI per accompagnare i genitori nel loro percorso del PORTARE I PICCOLI
  • attivazione del progetto NATI PER ESSERE PORTATI il cui obiettivo è quello di contribuire a diffondere il portare i piccoli e i suoi benefici anche all'interno delle strutture sanitarie e d ospedaliere, nonchè dei corsi pre e post parto
  • servizio di FASCIOTECA alla quale i soci potranno accedere per provare e sperimentare diverse tipologie di supporti di differenti produttori e marchi (fascia lunga, fascia elastica, mei tai, fascia da anelli, podeagi, pouch sling) 
  • LABORATORI dedicati all'AUTO PRODUZIONE dei propri supporti in cui le mamme potranno "costruirsi" il loro supporto per portare 
  • laboratori dedicati alla realizzazione di BAMBOLE WALDORF 
  • laboratori creativi volti all’autoproduzione  giochi, libri tattili attraverso anche materiali di recupero.
  • servizio di "biblioteca" dedicato a libri sulla gravidanza, parto, nascita, accudimento, consapevolezza, ascolto attivo, comunicazione non violenta, educazione consapevole, vaccinazioni etc
  • ORDINE DI GRUPPO   di FASCE PORTA BEBE', LIBRI, PRODOTTI DEDICATI ALLA PRIMA INFANZIA
  • organizzare momenti di confronto e condivisione con i genitori e INCONTRI INFORMATIVI 
  • organizzare INCONTRI INFORMATIVI
  • sostenere e promuovere un modello di consumo critico